Quando è stata l’ultima volta che hai pulito il tuo materasso? Da quanto non passi l’aspirapolvere sotto il letto? E i cuscini, li lavi mai?

La pulizia del letto e della camera è essenziale per garantirti il riposo che il tuo corpo si merita ogni notte. La freschezza e la salubrità dell’ambiente è essenziale per farci respirare correttamente e farci ritrovare le energie per affrontare ogni giornata.

Vediamo di seguito alcuni consigli, “dal basso verso l’alto”, per avere un letto sempre fresco e pulito.

1. Pulire regolarmente la superficie sotto il tuo letto

Pulizia sotto il letto


Sembra un consiglio banale ma spesso ci dimentichiamo - o vogliamo dimenticarci - di dare una passata con l’aspirapolvere o con un panno cattura polvere anche sotto il materasso. Non farlo regolarmente è un errore molto grave: nel tempo la polvere si accumula qui sotto e poi basta uno spiffero, o una finestra spalancata per “far prendere aria alla camera” e la polvere si distribuisce allegramente per tutta la stanza.

La procedura a volte risulta un po’ più complicata: è il caso dei letti a contenitore o dei letti bassi.
Nel primo caso solitamente i pannelli sulla parte inferiore del letto sono facilmente rimovibili; nel secondo caso la situazione è peggiore: per non dover scomodare brugole e cacciaviti ti consigliamo di procurarti un bastoncino o un filo di ferro lungo e sottile, agganciarci un vecchio panno, inumidirlo un po’ e inserirlo sotto il letto. La polvere non conosce ostacoli e presto te ne accorgerai!

2. Pulire le doghe e le reti del letto

Anche il supporto al nostro materasso può essere un ricettacolo di polvere e sporcizia pronte a diffondersi nella nostra stanza da letto. La prima cosa da fare prima di pulire doghe e reti, naturalmente, è togliere il materasso. Ci occuperemo di lui tra poco!
Se il tuo letto è dotato di doghe in legno innanzitutto passa con cautela l’aspirapolvere per rimuovere lo strato più grossolano di polvere, poi procedi inumidendo un panno e toccando gli angoli e i dettagli impossibili da raggiungere prima.
Se invece dormi su un materasso poggiato su rete metallica ci sono più punti nascosti non raggiungibili con l’aspirapolvere: puoi aiutarti con un piccolo pennellino o un vecchio spazzolino per pulire quelle parti, per poi procedere con il solito panno umido. Visto che ci sei, controlla anche che le molle del materasso siano correttamente agganciate e non danneggiate dall’uso prolungato!

3. Pulire il Materasso

Pulizia del materasso


È arrivato il turno del materasso. Se non lo fai già, può essere utile girarlo di tanto in tanto. Quando decidi finalmente di pulirlo, la cosa più semplice da fare è portarlo all’esterno (terrazzo o giardino) e batterlo energicamente per eliminare la polvere superficiale. È opportuno poi esporre il materasso al sole e all’aria per purificarlo da acari, polvere e batteri.
Il livello successivo, se vuoi andare oltre, è la pulizia profonda del materasso: questa può essere fatta anche in casa cospargendo la sua superficie con un leggero strato di bicarbonato, da far agire per una notte e poi rimuovere con l’ausilio di una aspirapolvere. Per una sanificazione più profonda è naturalmente consigliabile rivolgersi a una ditta specializzata o in alternativa utilizzare dei prodotti specifici dopo essersi accertati della loro corretta applicazione e modalità di utilizzo.

4. Pulire le Lenzuola

Per avere sempre delle lenzuola perfette bisognerebbe esporle all’aria per una decina di minuti ogni mattina. Naturalmente non tutti hanno il tempo per farlo… Il consiglio è quindi quello di cambiarle possibilmente ogni settimana, utilizzando dei detersivi non aggressivi e aggiungendo un po’ di ammorbidente se vuoi ottenere quell’inconfondibile profumo di letto profumato che tutti adorano. Ricordati sempre di separare i bianchi dai colorati, facendo attenzione alle istruzioni di lavaggio riportate sull’etichetta delle tue lenzuola. Anche il coprimaterasso, su cui le tue lenzuola poggiano, ha bisogno di lavaggi costanti e frequenti: diciamo un paio di volte al mese. In questo modo riuscirai a ridurre al minimo il proliferare di acari e polvere e avrai un sonno sempre piacevole e tranquillo.

5. Lavare i Cuscini

Lavaggio dei cuscini


L’ultimo passaggio per il tuo letto perfetto sono i cuscini. Non solo le federe, sarebbe troppo facile: proprio i cuscini! Ce ne sono di diverse tipologie: sintetici, in lattice, in piuma d’oca. Partiamo dai più facili:

  • Lavare i cuscini sintetici: vista la loro natura, questa tipologia di cuscini può essere tranquillamente inserita in lavatrice. Come accorgimenti diminuisci i giri della centrifuga, per non danneggiarli, e non caricare troppo il cestello e consentire ai guanciali di muoversi senza alterare la loro forma. Infine, se puoi, asciugali al sole in posizione orizzontale.
  • Lavare i cuscini in lattice: in questo caso la lavatrice è da evitare perché rischierebbe di danneggiare il materiale di cui sono composti. È sufficiente immergerli in una bacinella d’acqua per qualche ora usando un apposito detergente liquido delicato. Sciacqua poi i cuscini e non esporli alla luce diretta del sole.
  • Lavare i cuscini in piuma d’oca: i cuscini imbottiti di piuma d’oca sono i più delicati fra quelli in commercio. Puoi scegliere di lavarli in lavatrice oppure a mano.

    Nel primo caso opta per un lavaggio delicato a bassa temperatura, usando un detergente poco aggressivo e mettendone meno del solito.

    Per lavarli a mano lasciali semplicemente in ammollo per qualche ora con una piccola quantità di detersivo.
In entrambi i casi poi esponili all’aria aperta, avendo cura di rigirarli di tanto in tanto con le mani per dare una asciugatura rapida e uniforme al cuscino facendolo facilmente tornare nella sua forma iniziale.

Acari, via!

Questo insieme di buone pratiche, da fare regolarmente, insieme a una assidua pulizia di base della camera da letto e del mobilio possono garantirti un bel po’ di protezione dalla polvere, ma anche da batteri e minuscoli acari. Questi ultimi sono una delle cause dei disturbi respiratori e dell’allergia alla polvere che affliggono moltissime persone. A seconda dei casi, e delle stanze, gli acari si manifestano più o meno intensamente, raggiungendo anche il numero di 1.000 esemplari per ogni grammo di polvere. Oltre a questi 5 consigli puoi utilizzare anche un prodotto acaricida, come quello utilizzato durante il nostro servizio di pulizia quotidiana nel Trattamento Antiacaro, che puoi aggiungere come opzione al momento della prenotazione. Se non vuoi sbagliare è sempre meglio affidarsi a degli esperti della pulizia ;)