Siamo in autunno inoltrato. E fra mille impegni che siano i compiti, le attività sportive, lezioni di musica, di inglese o danza, le giornate dei tuoi bambini sono belle piene. L’importante è che riescano sempre a contare su uno spazio e un tempo adeguati per il gioco, nutrimento fondamentale per la loro crescita e il loro benessere. Allora, via libera alle passeggiate e ai giochi all’aperto, al parco, dove incontrare altri bambini, per correre insieme, esprimersi, scaricarsi e ricaricarsi.
Certo, questa stagione non sempre aiuta. Le giornate si accorciano e se piove o le temperature scendono a volte è inevitabile restare a casa. Ed ecco, in agguato, l’incubo dei bambini e quindi di ogni mamma e papà: “Uffa, che noia…”. Inevitabile invitarli a leggere, a dedicarsi ad attività più riflessive, o agli abbondanti giochi e giocattoli che ai nostri bambini non mancano di certo. Anche gli infallibili giochi da tavolo sono già una prima soluzione. Eppure, i tuoi figli, a volte, sembrano immunizzati e soprattutto refrattari a queste alternative “indoor”. Che il più delle volte si rivelano perdenti rispetto alle facili lusinghe costituite da tv, videogiochi o computer. Ma allora, che fare? Mamme e papà prima di darvi per vinti, aspettate e provate con alcuni piccoli preziosi consigli scaccia-noia delle nostre altrettanto preziose babysitter Yougenio, referenziate e sempre disponibili. Sono stratagemmi smart senza un grammo di tecnologia, creativi, stimolanti e divertenti per ogni fascia d’età. Bastano fantasia e pochi semplici ingredienti, primo fra tutti, la voglia di stare insieme a loro. E il gioco è fatto.

Nastri adesivi in libertà.
Procurati dei rotoli di nastro adesivo colorato, o nastro carta o isolante. Puoi utilizzarli per formare sul pavimento delle piste per le macchinine dei tuoi bambini. Se non vuoi rovinare il pavimento, procurati un bel pannello di compensato e “disegnaci sopra”. In ogni caso puoi coinvolgere i bimbi anche nella preparazione, si divertiranno da subito a immaginare i percorsi più fantasiosi! Con il nastro puoi anche creare dei veri e propri giochi da tavolo “viventi”: magari in soggiorno, o se disponi di spazi un po’ più grandi in casa. Crea le caselle, poi procurati dei dadi, magari di quelli grandi in spugna e darai vita a un monopoli o gioco dell’oca in cui i “segnalini” saranno i bimbi stessi!

Indiani da salotto.
Chi l’ha detto che il campeggio si può fare solo all’aperto? O lontano da casa? Forse lo ricordi anche tu, bastano alcuni plaid o vecchie lenzuola, qualche molletta da bucato, magari uno stendino, opportunamente posizionato davanti a una poltrona. Ed ecco pronta una confortevole tenda, dove nascondersi, confabulare, dare spazio alla fantasia. Immagineranno di trovarsi nel luogo che preferiscono, vivendo fantastiche avventure, un accampamento di indiani, un camping in vacanza, l’antro di un mago, un’escursione con gli scout… e per rendere il tutto più interessante, accendi il falò! No, niente di pericoloso. Basterà una torcia elettrica e augh!

Un sacco di misteri.
Ai bambini piacciono i segreti, i misteri, gli indovinelli. E allora, faglieli toccare con mano! Basterà un semplice sacco di tela o una scatola con un foro. Procurati oggetti piccoli, non appuntiti o taglienti, magari di consistenza e materiali interessanti al tocco: una macchinina, un sasso, un piccolo peluche, bottoni, tutto quello che trovi, purché sia qualcosa che il bimbo riconosca e sappia nominare, ovviamente in base all’età. Benda il bimbo e fagli inserire la mano nel sacco o nella scatola, per pescare un oggetto. Dovrà indovinare di cosa si tratta, usando solo il tatto. Naturalmente bimbi un po’ più grandi possono fare il gioco anche da soli. In ogni caso, si divertiranno… un sacco.

Timbri green, yellow, blue, red…
Minestrone in preparazione e bambino annoiato? Combinazione perfetta. Lascia da parte qualche pezzo di patata, carota, zucca, sedano, cavolfiore e procurati fogli da pacchi, piatti di plastica, colori a tempera. Prepara i colori nei piattini. Proteggi il tavolo con carta da giornale, disponi i fogli e lascia che i bambini usino i pezzi verdura per timbrare! Se poi tagli gli avanzi di diverse dimensioni e forme vedrai che opere d’arte, 100% vitaminiche. Oltretutto, i “capolavori” una volta asciutti, oltre ad essere dei bellissimi poster, possono diventare anche delle originali e uniche carte da regalo. Quando si dice coltivare la creatività. E magari dopo, mangeranno più volentieri anche il minestrone ;)

La danza dei colori.
Stavolta parliamo del pluriball, per intenderci quei fogli di plastica “mille bolle” che si usano per proteggere e imballare oggetti fragili. Se non ne hai in casa, li trovi in fogli o rotoli dal ferramenta e nei negozi di bricolage. Con questo materiale prepara degli stivaletti da mettere ai piedi dei tuoi bambini. Metti poi dei giornali o dei cartoni sul pavimento. Poi, in alcune bacinelle spremi dei tubetti di tempera colorata. Adesso i tuoi bambini si divertiranno a creare originali opere d’arte, letteralmente passo dopo passo. Se poi accompagni il tutto con le loro canzoni preferite, danzeranno a colori e a tempo di musica. Scatenandosi oltre che con la fantasia anche con i movimenti. Ripara i mobili ed eventuali oggetti con teli di plastica o vecchi giornali. Così ti rilasserai anche tu.

Strike da tavolo.
Il bowling è un gioco che diverte tutti, grandi e più piccoli. E perché non crearne uno in casa, a portata di mano, anzi di manina? Ecco come realizzare un mini campo da bowling che divertirà i tuoi bambini, e probabilmente anche te. Riprendi il famoso e prezioso nastro adesivo, per delineare su una tavola di legno la corsia. Poi cerca 11 gomme da cancellare o piccoli oggetti che disporrai in fondo, proprio come i birilli. Infine dai a ogni giocatore una biglia, la sua “boccia” in miniatura e… strike assicurati per tutti! Se il bambino è più grande puoi decidere di ricreare una pista da bowling a sua misura: il corridoio di casa diventa un campo di gioco perfetto, le bottiglie di plastica si trasformano in un attimo in obiettivi da far cadere e una palla di gomma o di carta stagnola assume il compito di boccia da lanciare per colpire i birilli-bottiglia. E il divertimento è assicurato.

Impasti magici.
Quando si parla di magia, i bambini si incantano. E se sono loro stessi a usare le mani, di sicuro oltre a divertirsi sviluppano l’immaginazione, rilassandosi. Ecco dei piccoli incantesimi per farli divertire tantissimo con pochissimo. Basta andare in cucina. Ogni bambino avrà una ciotola, piena d’acqua. E poi via libera a farina, sale, colori e fantasia! Vedrai come saranno felici di impastare creando da soli la loro plastilina, creando animali, forme, fiori. Per conservare le loro creazioni cuocile in forno. Altra pozione si può fare utilizzando sempre una grande ciotola, il pentolone e un cucchiaio di legno per girare. E poi bicarbonato, acqua, zucchero, coloranti, tutto quello che viene fuori dalla dispensa. Ogni volta chiameranno l’ingrediente con un nome “magico”, scopriranno una piccola reazione chimica, naturalmente sicura, divertendosi a girare il loro “pentolone”, per il gusto di pasticciare, attività gradita e rilassante per i bambini. Scoprendo le “formule magiche” per il divertimento.

Ecco, il pomeriggio noioso è stato scongiurato, grazie alle tate Yougenio. Sono baby-sitter referenziate, esperte e attente ai bisogni dei tuoi bambini. Ti affiancheranno quando tu non puoi: giocano, leggono, li portano al parco o a fare sport, prendendosi sempre cura del benessere dei tuoi figli. Puoi richiedere un colloquio per conoscerle meglio, dopodiché prenotare la tua babysitter sarà molto semplice: ti basterà cliccare su "Prenota ora” e fornire le informazioni richieste. Se non fosse vero, sembrerebbe una fiaba.