Finiti i mesi freddi, potrai notare che le pareti possono essere piuttosto provate. Decisamente è il momento propizio per imbiancare casa ma ti mancano le idee per rinnovare le pareti. Spesso per l’uso del riscaldamento, che, soprattutto quando le temperature sono elevate, tende a ingiallire o a volte addirittura annerire le pareti, soprattutto in prossimità dei corpi radianti. O al contrario, negli ambienti meno riscaldati, freddo e umidità soprattutto sulle pareti esposte a nord, hanno creato muffe, aggravate magari dalla poca areazione.
In entrambi i casi, l’arrivo prossimo della primavera può essere l’occasione per un bel colpo di spugna, anzi di pennello o rullo. Ma quali sono i segreti per imbiancare le pareti? E quali per scegliere i colori delle tinteggiature? E quali gli errori da evitare? Che tu decida di provvedere in autonomia o chiedere l’intervento di un professionista, ecco gli accorgimenti e le idee dei nostri esperti per tinteggiare gli ambienti.
Senza questi indispensabili passaggi infatti un’imbiancatura non potrà mai definirsi tale, rischiando di diventare un’emergenza anche l’anno prossimo. Se non prima.
Ecco dunque le regole per un’imbiancatura post-invernale a regola d’arte.

Per cominciare.
Non c’è imbiancatura senza una preliminare preparazione degli ambienti, per proteggere mobili e stanze da eventuali tracce di pittura.
  • Spostare i mobili, staccando quelli pesanti dal muro e portando almeno quelli più piccoli e leggeri al centro della stanza.
  • Coprire i mobili, ma anche i pavimenti con gli appositi teli di plastica, o con lenzuola e coperte, avendo cura di ricoprire i profili degli infissi con nastro carta.
  • Poi si procede con la stuccatura di buchi o imperfezioni proprio per stendere la pittura o l’eventuale colore in modo omogeneo.

I materiali.
Anche la scelta dei materiali è assolutamente importante per fare la differenza. E soprattutto per determinare la qualità e la durata dell’intervento.
  • Prima di tutto ti consigliamo l’utilizzo di pittura da pareti traspirante per i bagni, mentre in cucina è ottima la lavabile, pratica e resistente. Va da sé che è raccomandabile l’utilizzo di prodotti di qualità, tutti a base d’acqua, ecologici e sicuri per l’ambiente, ma anche e soprattutto per le persone.
  • Se ci sono macchie, muri ingialliti o anneriti, occorre trattarle prima con prodotti più costosi ma di grande efficacia.
  • Le tracce di muffa vanno eliminate con detergenti neutralizzanti antimuffa seguiti da pitture termiche a base di sfere di vetro. Per eventuali aloni lasciati dalle perdite d’acqua noi applichiamo materiali idonei a base di sali, come pure sulle macchie di fumo e fuliggine che trattiamo con prodotti idonei.

E se oltre l'imbiancatura c’è voglia di colore?
Qui ti puoi davvero sbizzarrire. Oltre alle tendenze di stagione che prevedono colori neutri con qualche concessione a tonalità più accese, puoi affidarti anche all’esposizione della casa e quindi a come la luce naturale “giocherà” con le cromie dell’ambiente creando le atmosfere in cui amerai vivere.
  • Prima di tutto la discrezione. Il professionista si mimetizza, cerca di limitare il più possibile il disagio momentaneo del cliente.
  • Poi, come accennato prima, protegge con cura gli arredi e i pavimenti con i teli in nylon, maschera i battiscopa, le porte e le finestre, lavora in modo pulito e a lavoro terminato lascia tutto il più possibile pulito e ordinato.
  • Usa materiali di qualità.
  • È puntuale nel terminare il lavoro nei tempi e modalità concordati.
  • E se è Yougenio, ti garantisce risultati di qualità, preventivi chiari, prezzi certi, assicurazione inclusa.
Hai molti buoni motivi per scoprire i super prezzi dei nostri servizi.
Che siamo bravi ormai lo sanno anche i muri.