Quanto è bello godersi un po’ di sole durante i primi weekend primaverili? Questo è il periodo perfetto per vivere al meglio terrazze, portici e giardini. Prima però serve dar loro una sistemata e ripulirli dopo un inverno passato al freddo e alla pioggia.

Prenderti cura con regolarità dei tuoi pavimenti e degli altri spazi esterni della tua abitazione è infatti fondamentale per preservarli dall’usura ed evitare che si rovinino.

Ecco alcuni consigli che ti aiuteranno a goderti appieno la primavera insieme alla tua casa.

Come pulire il pavimento della terrazza o del portico

Naturalmente ogni pavimento è diverso e va pulito a suo modo. Qui di seguito l’elenco di quelli più comuni, insieme ai nostri consigli per la loro pulizia regolare.

  • Pavimento in Cotto: per una pulizia efficace di questa tipologia di pavimento il metodo migliore è l’acqua, con l’aggiunta di un po’ di aceto e un po’ di sapone neutro, e uno spazzolone da strofinare energicamente sulla superficie da pulire. Nel caso di macchie più grosse e ostinate si può fare un’ulteriore piccola aggiunta di alcol etilico.
Il consiglio migliore tuttavia è trattare immediatamente la macchia, se ci accorgiamo di averla fatta: un po’ di bicarbonato sfregato piano piano basterà per rimuoverla.
Inoltre per il pavimento in cotto è utile periodicamente dare una passata di cera, ma in questo caso ti consigliamo di utilizzare un trattamento professionale anziché il fai da te.
  • Pavimento in Gres: è sicuramente ostico da pulire, non tanto per la difficoltà della pulizia in sè, quanto per la sua tendenza a macchiarsi facilmente. Se vedi una macchia, non allarmarti troppo. Un prodotto specifico, acqua e un’energica spazzolata possono farlo tornare come nuovo. In casi estremi anche una spugna leggermente abrasiva può aiutare. I normali detergenti tendono a creare aloni, per questo è meglio sceglierne uno studiato per la pulizia di questo materiale, con un livello di tensioattivi contenuto.
  • Pavimento in Ardesia: l’ardesia è resistente e piuttosto facile da pulire. Per ottenere dei buoni risultati può bastare passarne la superficie con un panno umido. Attenzione però: questo materiale è particolarmente sensibile a prodotti molto acidi o basici, come aceto o anticalcare. Evita di usarli!
  • Pavimento in Pietra o Ciottoli: per il pavimento in pietra naturale i consigli principali sono 3: spazzare, spazzare e spazzare. Questa operazione è fondamentale e va fatta regolarmente. Certamente vale anche per le altre tipologie di pavimento, ma è fondamentale per la pietra e per evitare che l’effetto abrasivo dei suoi residui rechi danni alla pavimentazione stessa. Dopodiché anche in questo caso l’acqua, con un po’ di sapone unito a un paio di cucchiai di bicarbonato e mezzo bicchiere di alcol, farà il resto.

Pulire i pavimenti con l’idropulitrice

Pulire i pavimenti con l'idropulitrice

C’è un’altra soluzione ideale che sicuramente ti può aiutare nella pulizia delle pavimentazioni esterne, indipendentemente dal materiale: è l’idropulitrice. Questo elettrodomestico, collegato a un normale rubinetto, aumenta la pressione della rete idrica e consente di direzionare un getto d’acqua ad alta pressione che può rimuovere molto facilmente lo sporco. L’idropulitrice ha due pregi fondamentali:

  1. meno tempo, meno fatica: possiamo dire che fa quasi tutto da sola, o sicuramente lo sforzo e il tempo da impiegare per ottenere un buon risultato sono minori rispetto agli altri metodi sopra illustrati;
  2. meno sprechi: utilizzare questo strumento ti consente di risparmiare più del 50% di acqua rispetto al normale secchio con spazzolone. Una ragione in più per provarla!
Attenzione però! Per padroneggiarla bisogna fare un po’ di pratica e le prime volte occorre stare attenti soprattutto alla potenza del getto e a non direzionarlo troppo vicino ai nostri piedi per evitare di farsi male. La stessa cura va posta prima di pulire superfici e oggetti, per non rovinarli. Prendete confidenza con lo strumento e regolate di conseguenza la pressione e il flusso dell’acqua!

Come pulire il pavimento della terrazza o del portico

Gli spazi esterni della tua casa hanno sicuramente degli arredi che hai scelto con cura per viverli al meglio. Pulirli è fondamentale per goderti in modo migliore l’esterno della tua casa.

  • Pulire arredamento da esterno in plastica o acciaio inossidabile: sedie e tavoli in plastica sono i più semplici da pulire, può bastare un po’ d’acqua e qualche goccia di detergente. Naturalmente dove ci sono macchie o incrostazioni ostinate è consigliabile strofinarle con una spugna. Se hai un giardino puoi utilizzare direttamente il tubo di gomma da irrigazione o, ancora meglio, l’idropulitrice.
  • Pulire arredamento da esterno in legno: per l’arredamento in legno è sufficiente usare una spazzola morbida e togliere eventuale polvere o residui. Poi si può passare una spugna con acqua e un po’ di sapone e asciugare bene una volta raggiunto il risultato. Infine, per ridare luce e vitalità al legno si può passare con il pennello uno strato di olio specifico per arredi da esterno.
  • Pulire arredamento da esterno in ferro: se durante l’inverno si è formata un po’ di ruggine è possibile provare a rimuoverla delicatamente con una spazzola a setole metalliche, applicando poi un prodotto protettivo. Per la normale manutenzione basta una spazzola morbida che rimuova polvere e residui solidi.
  • Pulire arredamento da esterno in vimini: è meglio evitare l’acqua su questa tipologia di arredi da esterno, perché potrebbe deteriorarli facilmente. Il loro problema è la polvere che si annida nei punti dove i vimini si intrecciano. Un po’ di pazienza e una spazzola a setole morbide risolveranno anche questo problema.
Un trucco che vale per tutte le stagioni e tutti i materiali è quello di coprire gli arredi con un telo in plastica (o cerato) per proteggerli dalle intemperie durante l’autunno e l’inverno. È un semplice accorgimento, ma ti risparmierà un bel po’ di fatica!

Come pulire le finestre e i balconi

Per avere una terrazza vivibile e pulita devi prenderti cura attentamente anche dei balconi, delle finestre e degli infissi. Puoi leggere tutti i nostri consigli su come pulire le tue finestre e sui prodotti da utilizzare a seconda del materiale di cui sono fatti in questo articolo del nostro blog. Naturalmente anche in questo caso gli esperti Yougenio ti possono aiutare con un lavaggio impeccabile di vetri e infissi.

Come pulire le tende da sole

Se hai una terrazza, probabilmente hai anche una tenda da sole. Pulirla è abbastanza semplice, basta fare attenzione al materiale di cui è fatta.

  • Tende in tessuto: se le dimensioni lo consentono puoi mettere le tende in lavatrice e lavarle normalmente, dopo aver rimosso il grosso dello sporco con una spazzola.
  • Tende in pvc o fibra sintetica o plastificate: è sufficiente una prima pulizia superficiale con una spazzola per rimuovere i residui più persistenti. In secondo luogo puoi procedere con un panno umido, immerso in una soluzione di acqua e comune detersivo per i piatti.
In entrambi i casi è possibile che gli agenti atmosferici d’inverno e il sole d’estate contribuiscano alla formazione di fastidiose muffe. Puoi rimuoverle con prodotti specifici (per quelle in PVC dovrebbe bastare un comune sgrassatore), ma la cosa migliore per una pulizia profonda è rivolgersi a una ditta specializzata che con dei procedimenti speciali, come la cavitazione, potrà risolvere il tuo problema.

Attenzione! Se la tua tenda è molto alta e non è possibile smontarla potrebbe essere necessario l’utilizzo di una scala per raggiungere tutti i punti da pulire. In questo caso verifica di avere un’attrezzatura solida e uno spazio sufficiente per muoverti in sicurezza ed equilibrio. Se questo non è possibile serve una dotazione specifica che una ditta specializzata in questo tipo di pulizie sicuramente ha a disposizione.

Se vivi in appartamento con terrazza…

La terrazza ha il pregio di avere spesso dimensioni contenute, sicuramente inferiori a quelle di un giardino. La sua pavimentazione è più veloce da pulire ma c’è un elemento in più da considerare: la balaustra.

Pulizia della terrazza

Come pulire la balaustra

La ringhiera della terrazza ha un’indubbia funziona estetica e di sicurezza. Purtroppo però si presta anche ad accumulare polvere, ragnatele e sporcizia se non viene spolverata regolarmente. Ecco come pulirla:

  • Ringhiere in ferro: passa per prima cosa la ringhiera con un panno catturapolvere e poi puliscila con un panno umido e acqua (se particolarmente sporca aggiungi un po’ di aceto);
  • Ringhiere in alluminio: per questo tipo di balaustre puoi usare semplicemente acqua con un po’ di sapone di Marsiglia;
  • Ringhiere in cemento: anche qui la pulizia regolare è fondamentale, una spazzola rigida imbevuta d’acqua (o al massimo con un po’ di bicarbonato) e un po’ di olio di gomito sono quello che ti occorre;
  • Ringhiere in legno: spesso si trovano in case di montagna e sono quelle che hanno bisogno della maggior attenzione. Trattale con prodotti specifici e metti in conto una manutenzione straordinaria per la levigatura e il trattamento delle imperfezioni che pioggia e intemperie sicuramente causeranno.

Se vivi in una casa con giardino…

Oltre alla manutenzione e alla pulizia di tutti gli elementi che abbiamo elencato, il giardino ne ha uno in più: il percorso pavimentato che attraversa il tappeto d’erba per consentirti di spostarti nelle varie zone senza rovinare troppo il prato. Sì, anche questo può richiedere una cura e una pulizia particolari…

Pulizia della pavimentazione esterna

Come pulire il percorso pavimentato del giardino

Può capitare infatti che i percorsi pavimentati del tuo giardino si macchino con il tempo: alberi da frutto, resine, animali domestici… per pulirli la scopa non basta. Una soluzione efficace è un getto d’acqua direttamente dalla gomma combinato con una apposita scopa da esterno a setole dure, anche se la cosa migliore in questo caso è utilizzare l’idropulitrice, che non lascerà scampo anche alle macchie più ostinate.

Come pulire i vasi

L’idropulitrice può essere la soluzione ideale anche per i vasi di terracotta particolarmente macchiati o sporchi. Prima di utilizzarla puoi passare una spazzola rigida per rimuovere i residui più evidenti. Usa poi un po’ di bicarbonato per rimuovere le eventuali tracce di sale/calcare che posso formarsi all’interno e all’esterno del vaso come conseguenza dei depositi d’acqua.

Attenzione! Usa l’idropulitrice solamente sui vasi non decorati e senza smalto, altrimenti l’alta pressione potrebbe rovinarli o, in alternativa, usala con una minore potenza rispetto a quella impostata per il lavaggio delle pavimentazioni.

Se invece il vaso è di plastica è sufficiente un lavaggio con acqua calda e una spugna, più eventualmente una goccia di sapone per la parte esterna.

Goditi la bella stagione!

Insomma, come già saprai mettere a nuovo il tuo terrazzo o le aree vivibili del tuo giardino richiede senz’altro un po’ di fatica, ma il risultato vale senza dubbio lo sforzo. Se invece in famiglia siete un po’ pigri, o non avete la possibilità di dedicare il tempo necessario alla perfetta pulizia degli spazi esterni dell’abitazione, puoi sempre chiedere una mano agli esperti di Yougenio: con attrezzature specializzate ed esperienza sul campo sapremo tirare a lucido pavimenti e tendaggi e sistemare terrazzi, giardini e balconi. E visto che ci siamo, se ti serve potremmo portare con noi anche un giardiniere per tagliare il tuo prato o potare le tue piante, così tu potrai davvero pensare solamente a goderti il sole della bella stagione ;-)