Ci siamo, le temperature si stanno abbassando e scatta l’ON sui termosifoni.
Fedeli compagni dei tuoi momenti invernali in casa, sempre presenti con calore e comfort ma spesso dimenticati, soprattutto quando si tratta di pulizia e manutenzione.

Se vuoi che i radiatori di casa continuino ad assolvere a dovere il loro compito durante tutto l’inverno, devi prendertene cura nel modo giusto.
Basta svolgere delle semplici operazioni di manutenzione ordinaria che garantiranno la miglior resa termica dei tuoi termosifoni, prevenendo guasti e inconvenienti.

Ma in cosa consiste la manutenzione dei termosifoni?
Te lo spieghiamo subito.
Si tratta di operazioni veloci e a portata di tutti che puoi svolgere in meno di mezz’ora ma che non vanno trascurate.

Ecco tutte le informazioni che ti servono per svolgere una manutenzione dei termosifoni a regola d’arte e garantirti un inverno caldo e confortevole.

1. SFIATARE I TERMOSIFONI


È un'operazione importante da compiere prima di accendere i termosifoni per eliminare le bolle d’aria che possono formarsi nei radiatori durante lo stop estivo.
Spurgare i termosifoni è un’azione semplice ma da fare con cura e precisione, se vuoi assicurarti un perfetto funzionamento dei radiatori.

Ecco le indicazioni, passo per passo, per sfiatare i termosifoni:

  • i termosifoni devono essere spurgati quando sono freddi, meglio se a caldaia spenta.

  • posiziona una bacinella in prossimità del radiatore e individua la manopola di sfiato.
    Generalmente è collocata all’estremità superiore del termosifone. Prendi la manopola e girala in senso antiorario. A questo punto sentirai uscire prima dell’aria e poi dell’acqua.
    Mi raccomando, non richiudere la manopola appena esce l’acqua, ma lasciala aperta fino a quando il flusso dell’acqua è costante, senza rumori o gorgoglii.
    A questo punto richiudi la manopola e ripeti l’operazione fino a quando non sentirai più fuoriuscire aria.
    Questo è il segnale che sono state eliminate tutte le bolle presenti nelle tubature del tuo termosifone.

  • ricorda di sfiatare tutti i termosifoni della casa.

  • dopo lo spurgo, controlla la pressione della caldaia: se disponi di un vecchio modello, devi verificare che la pressione non sia scesa troppo, dopo l’operazione di spurgo. Il valore corretto che dovrebbe segnare il manometro è tra 1 e 1,3 bar: se è più basso, apri la chiave del carico dell’acqua e mantienila aperta fino a ripristinare il giusto range di bar, indicato sopra.
    Invece, se hai una caldaia moderna, l’errore dovrebbe essere segnalato automaticamente e puoi ripristinare la pressione corretta seguendo le indicazioni sul libretto delle istruzioni.

! Attenzione! Dimenticarsi di spurgare i termosifoni può incidere sul loro rendimento e consumo. E quindi anche sulle tue bollette.
È un’azione che si svolge in 10 minuti.
Te lo stiamo ricordando noi ora, quindi è il momento di mettersi all’opera.

2. PULIRE I TERMOSIFONI


La pulizia dei termosifoni è un passaggio che va svolto sempre prima di riaccendere il riscaldamento.
Eliminando la polvere e la sporcizia che si sono annidate nei tuoi radiatori, eviti che vengano disperse negli ambienti insieme al calore, durante la stagione invernale.
Inoltre un calorifero libero dalla polvere funziona meglio. Insomma ricordarsi di pulire i termosifoni significa più caldo per te e la tua famiglia e meno polvere in giro.

  • prima di iniziare con la pulizia dei radiatori, ricorda di controllare che siano perfettamente freddi.

  • posiziona sui pavimenti dei vecchi giornali o degli strofinacci che ti aiuteranno a raccogliere polvere e sporco.

  • la prima cosa da fare è rimuovere tutta la polvere dalla parte alta del calorifero, dagli interstizi tra una tubatura e l’altra e dalle sezioni retrostanti. Per farlo puoi utilizzare l’aspirapolvere, scegliendo un beccuccio stretto e fino o puoi semplicemente passare uno scovolino ricoperto con un panno umido. Mi raccomando pulisci bene ogni parte del termosifone senza tralasciare nessun angolo. Se non riesci a rimuovere tutta la polvere presente, puoi ricorrere alle maniere forti: utilizza un compressore e dirigi il getto d’aria negli spazi più difficili da raggiungere e poi passa l’aspirapolvere alla base del radiatore. Con questa soluzione non ha scampo nemmeno il più piccolo granello di polvere :)

  • ora passa al lavaggio vero e proprio. I nostri esperti consigliano l’utilizzo di un erogatore di vapore: uno strumento infallibile per un’igienizzazione accurata dei tuoi radiatori. Se in casa non hai un dispositivo di questo tipo, nessun problema! Puoi utilizzare dell’acqua tiepida mescolata a un cucchiaio di sapone di marsiglia.

  • come ultima operazione, passa un panno morbido sulla superficie e asciuga i tuoi termosifoni.

3. INDIVIDUARE EVENTUALI MALFUNZIONAMENTI


Ora i tuoi radiatori sono perfettamente puliti e splendenti, pronti per regalarti ambienti caldi e confortevoli.
Ma ti consigliamo un’ultima accortezza: durante le prime settimane di accensione, controlla che funzionino a dovere.
Questa attenzione ti permetterà di intervenire in tempo con la riparazione del termosifone, senza rischiare di rimanere al freddo.

Ecco i segnali a cui devi stare attento:

  • termosifone che non scalda bene e in modo uniforme

  • termosifone che emette rumori

  • termosifone che perde acqua

  • temperature diverse tra i vari radiatori in casa

  • termosifone che rimane caldo anche quando ha superato la temperatura impostata

Se riscontri uno o più di questi problemi, ti suggeriamo di contattare un tecnico che potrà diagnosticare il problema e risolverlo subito, prima che si aggravi.


Ti ricordiamo che i nostri termotecnici sono a tua disposizione per la riparazione dei termosifoni. Prima analizzano con cura la problematica e poi intervengono per risolvere ogni guasto: perdite d’acqua del termosifone, blocco dei radiatori, sostituzione valvole dei termosifoni.

Ora sai come eseguire la manutenzione dei tuoi termosifoni a regola d’arte.
Prenditi cura oggi dei tuoi termosifoni e loro faranno lo stesso per te e la tua famiglia.
Per tutto l’inverno.