Gli elettrodomestici, come faresti senza?

Sono un grande aiuto nelle faccende domestiche.

Ma sei sicuro di utilizzarli nel modo giusto?
Nell’uso degli elettrodomestici, ci sono almeno 11 errori che ti capita di fare senza rendertene conto.
E che non ti aspetti.

Ogni giorno, ti trovi a caricare lavatrice e lavastoviglie e ad aprire e chiudere frigo e congelatore, senza chiederti se stai facendo tutto correttamente.

Ma non è mai troppo tardi per capire come utilizzare i tuoi elettrodomestici al meglio per preservarne la durata nel tempo e limitarne il consumo.

Quindi bando alle ciance e sfatiamo subito 11 falsi miti sugli elettrodomestici.

LAVATRICE


1. Scegliere i programmi brevi pensando di risparmiare corrente.
Chi non lo fa?
Si opta per il programma sintetico da 1 ora e 50 minuti e non ci si pensa proprio ad avviare quello eco da più di 3 ore.
Ma lo sai che i programmi brevi consumano più di quelli che prevedono tempi di lavaggio più lunghi?
Concentrando il lavaggio in minor tempo sono previsti picchi molti più alti e frequenti rispetto a un ciclo standard.
Quindi meglio variare: usa i programmi brevi solo quando ne hai realmente bisogno e hai poco tempo per il bucato e scegli invece i cicli più lunghi come programma standard, perché, sembra strano, ma consumano meno elettricità.

2. Dimenticarti di fare la pulizia del cestello una volta al mese.
Non servono prodotti specifici anticalcare o additivi particolari. Basta impostare un lavaggio a vuoto a 95 gradi almeno una volta al mese.
Non c’è miglior igienizzante.

LAVASTOVIGLIE


3. Lavare i piatti prima di metterli in lavastoviglie.
Lo fanno in molti, sbagliando. Naturalmente vanno eliminati dai piatti i residui di cibo, ma non vanno pre-lavati con il detersivo prima di inserirli in lavastoviglie.
Il detersivo che inserisci nell’apparecchio ha lo scopo di agire sulla superficie delle stoviglie sporche.
Se sono già linde e perfette, rischia di essere troppo aggressivo e alla lunga di rovinare le tue stoviglie.

4. Usare detersivi liquidi.
Rispetto alle pastiglie in polvere, i detergenti liquidi non si dissolvono mai completamente durante il lavaggio.
Questo può creare delle occlusioni delle tubature, portando alla rottura del dispositivo.
Quindi, se hai la possibilità, meglio scegliere un detersivo in polvere che si scioglie completamente con l’acqua e non crea danni all’apparecchio.

5. Usare l’aceto al posto del brillantante.
Meglio evitare di utilizzare l’aceto come detergente quotidiano dei tuoi elettrodomestici.
Va bene in caso di lavaggio una volta al mese a dispositivo vuoto per sgrassare e igienizzare ma è consigliabile evitare di sceglierlo come brillantante naturale per le tue stoviglie perché nel lungo periodo rischia di rovinarle e soprattutto può creare danni all’elettrodomestico stesso, vista il grado di acidità che caratterizza la sostanza.

6. Dimenticarti che puoi saltare il programma asciugatura.
In questo caso non si tratta di un errore ma semplicemente di un’accortezza che può ridurre i costi in bolletta.
Ti consigliamo di fare un tentativo: escludi dal ciclo l’asciugatura o ferma la lavastoviglie quando vedi che è passata alla fase di asciugatura e lascia lo sportello aperto.
L’aria asciugherà le tue stoviglie e tu avrai risparmiato 45 minuti di elettricità.

FRIGORIFERO


7. Mettere in frigo i cibi sbagliati.
Pomodoro, aglio, basilico, patate e cipolle spesso stanno tranquillamente nei ripiani e nei cassetti del frigorifero. Anche del tuo? Ecco, è meglio cambiare abitudini.
Si tratta di cibi che andrebbero conservati a temperatura ambiente.
Ad esempio, il pomodoro lasciato in frigo più di tre giorni perde aroma, gusto e sostanze nutritive, l’aglio secca, il basilico assorbe tutti gli odori, la cipolla tende ad ammuffire e le patate diventano più dolci.
Quindi meglio riporre questi cibi nella dispensa in cucina o in un cestello da tenere in un luogo asciutto. Un’ultima dritta: se vuoi che le patate durino di più, tienile distanti dalle cipolle e conservale in un sacchetto di carta, come quello del pane.

8. Conservare frutta, verdura e formaggi nei sacchetti di plastica.
I sacchetti di plastica in cui inserisci la tua frutta e verdura al supermercato o le confezioni plastificate o di carta in cui si trova il formaggio che acquisti non sono l’involucro migliore per la loro conservazione in frigo.
Si tratta di materiali che accelerano la formazione di umidità e muffa.
Ti suggeriamo di riporre frutta e verdura in sacchetti di carta o in strofinacci da cucina, mentre per il formaggio, i contenitori più adatti sono vasi di vetro con chiusura ermetica.

9. Pulire il frigo con sgrassante e spugna abrasiva.
Da non fare. La pulizia del frigorifero è un’operazione importante che andrebbe svolta almeno una volta al mese.
Attenzione però ai prodotti scelti: divieto per detergenti aggressivi e spugne abrasive.
La soluzione ideale è utilizzare un erogatore di vapore e passare poi un panno.
In mancanza di questo dispositivo, ti suggeriamo l’utilizzo del detersivo per piatti, dell’acido citrico o di acqua tiepida e bicarbonato da risciacquare sempre con un panno umido e morbido.
Da ricordare! Prima di pulire il frigorifero va sempre tolta la spina di alimentazione.

CONGELATORE


10. Dimenticare le etichette e le scadenze!
Tutto facile quando si tratta dei cibi in frigorifero: sai sempre di che alimento si tratta e puoi controllare la data di scadenza perché è stampata sul prodotto stesso.
Le cose cambiano quando si parla del congelatore. Pochi lo fanno ma sarebbe davvero utile etichettare i cibi che si mettono nel freezer con nome e data di scadenza.
Questo rende più facile identificare gli alimenti che intendi scongelare e soprattutto ti permette di avere un’indicazione precisa del tempo che ti rimane per consumarli.
Infatti anche i cibi congelati hanno una scadenza: le verdure sono gli alimenti che si mantengono più a lungo in freezer, puoi consumarle fino a sei mesi dopo il congelamento, cinque mesi invece per la carne e due per il pesce fresco.

11. Congelare alimenti troppo grandi.
Hai un pollo arrosto intero da congelare? Taglialo a pezzi, così per tutti gli altri cibi grandi che desideri riporre in freezer.
Il processo di congelamento è davvero sicuro solo quando avviene velocemente e provare a congelare alimenti troppo grandi può inficiare la sicurezza del cibo che vuoi consumare.
Meglio quindi ridurre sempre il volume di carne, pesce e verdure, ripartendoli sempre in più pezzi e inserendoli nei sacchetti da congelatore.


Allora, sei pronto a tornare a utilizzare alla perfezione i tuoi elettrodomestici?
Ormai sei un esperto e puoi svelare questi segreti anche ad amici e parenti che sicuramente, come tutti noi, compiono nella loro quotidianità almeno uno di questi errori.

Prima di salutarti, vogliamo darti un’ultima informazione.
Oltre a utilizzarli in modo consapevole, è importante occuparsi anche della pulizia degli elettrodomestici con una certa periodicità per preservarne il perfetto funzionamento e la durata nel tempo.
Sappiamo che pulire gli elettrodomestici è un’operazione lunga e faticosa, per questo abbiamo aggiunto la pulizia interna degli elettrodomestici nel nostro intervento di pulizia quotidiana.
Puoi richiederlo come servizio extra in fase di prenotazione.

Insomma una bella seccatura in meno per te e una pulizia e igienizzazione professionale per i tuoi elettrodomestici.